Attualità
In scena a Palazzolo sull'oglio

Gli "Stati Generali" dei Vigili del Fuoco lombardi ricordano le vittime del Covid

"Incontriamoci" è il nome dell'evento che ha riunito le Fiamme Rosse, le Istituzioni di Brescia e Bergamo, le Forze dell'Ordine e tante altre realtà di volontariato, ancor più unite dalla pandemia.

Gli "Stati Generali" dei Vigili del Fuoco lombardi ricordano le vittime del Covid
Attualità Sebino e Franciacorta, 26 Settembre 2021 ore 12:06

Un momento di condivisione per ribadire una volta di più la propria vicinanza al territorio, a maggior ragione in una zona dove il Covid ha lasciato dietro di sé molto, troppo dolore. Si intitola "Incontriamoci" l’evento andato in scena questa mattina al distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari di Palazzolo sull’Oglio.

L'iniziativa

L’iniziativa, ideata dall’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale, punta a esprimere solidarietà a due delle Province italiane più colpite
dalla pandemia, ovvero Brescia e Bergamo; da qui la scelta di Palazzolo, a metà strada tra le due, come luogo ideale per simboleggiare questo scopo. "Incontriamoci" è quindi un'occasione d’incontro tra le istituzioni (in primis l’Amministrazione di Palazzolo; i Comuni di Brescia e Bergamo, quest'ultimo rappresentanto dal sindaco Giorgio Gori, e alcuni dei sindaci sul cui territorio operano i Vigili del Fuoco del distaccamento di Palazzolo; le Amministrazioni provinciali di Brescia e Bergamo rappresentate dal presidente Samuele Alghisi e dal consigliere delegato Marco Redolfi,  e di Regione Lombardia con l'assessore Lara Magoni) e i vertici dei Vigili del Fuoco, permanenti e volontari, di tutta la Lombardia. Presenti anche i rappresentanti della Protezione civile e della Croce Rossa di Palazzolo e delle Forze dell'Ordine, Guardia di Finanza, Polizia Locale e Carabinieri alla guida del tenente colonnello Carlo Pessini. Presente anche il presidente nazionale dell'associazione nazionale e del Corpo dei Vigili del fuoco Antonio Grimaldi, accolto da capodistaccamento di Palazzolo, Gianluca Rondi.

7 foto Sfoglia la gallery

"Incontriamoci" a Palazzo

A fare da "apripista", ieri pomeriggio, è stato il momento aperto alla cittadinanza con la visita guidata al Centro di Protezione Civile di Palazzolo che ha dato anche la possibilità di cimentarsi in qualche esercitazione e ricevere delle nozioni di Primo soccorso. Un’occasione per promuovere e far conoscere l’attività delle varie realtà impegnate nel soccorso in emergenza, che interagiscono quotidianamente per assicurare alle comunità maggiore sicurezza, dando ulteriore stimolo alla promozione del volontariato, essenziale elemento di sicurezza e tutela collettiva.

Oggi, invece, si entra nel vivo dell'iniziativa con la Messa celebrata da don Roberto Ferazzoli, cappellano provinciale della Protezione Civile e delle Fiamme Rosse, (dedicata anche ai Vigili del Fuoco che non ci sono più) che ha portato il saluto dei vescovi di Brescia e di Bergamo, don Pierantonio Tremolada e don Francesco Beschi. Seguiranno gli incontri tra le istituzioni e i Vigili del Fuoco.

«Siamo molto orgogliosi che l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco abbia pensato a Palazzolo per questo importante evento e la ringrazio di cuore - ha dichiarato il sindaco di Palazzolo Gabriele Zanni - Abbiamo aderito all’iniziativa con entusiasmo e emozione, a maggior ragione per il significato che le si è voluto dare, consapevoli del prezioso servizio che i Vigili del Fuoco prestano alle comunità di riferimento e della necessità di non dimenticare quanto accaduto in questi ultimi ormai due anni».

Il comandante dei Vigili del Fuoco di Brescia

A prendere la parola è stato anche il comandante dei Vigili del Fuoco di Brescia, Enrico Porrovecchio.

L'intervento del sindaco di Bergamo

"Se lavoriamo insieme siamo più forti", così ha esordito il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, nel rimarcare come il dolore condiviso abbia legato indissolubilmente i territori di Brescia e Bergamo, che nel 2023 saranno non capitali, ma Capitale della Cultura. "Ora non siamo più cugini, la pandemia ci ha reso fratelli e quello di oggi è un esempio. E Palazzolo è proprio luogo di confine dove questa fratellanza può dare frutti".

L'intervento dell'assessore regionale Magoni

 

 

Necrologie