Attualità
Novità discografica

Esce venerdì 9 dicembre "Condivivere", nuovo album di Matteo Faustini

Il nuovo singolo è "Il girasole innamorato della luna", una poesia in musica

Esce venerdì 9 dicembre "Condivivere", nuovo album di Matteo Faustini
Attualità Brescia, 07 Dicembre 2022 ore 15:46

Venerdì 9 dicembre esce nei negozi di dischi, sulle piattaforme streaming e in digital download “Condivivere" (Dischi dei Sognatori, distribuito da Artist First) il nuovo album di Matteo Faustini. È online il video di “Il girasole innamorato della luna”, ideato dallo stesso cantautore insieme ad Alessandro Garzaniti

"Condivivere", la musica di un poeta

L'attesa finalmente è finita. Esce venerdì 9 dicembre il nuovo album di Matteo Faustini, il titolo è "Condivivere". Per il lancio del nuovo lavoro discografico del cantautore bresciano il singolo scelto è "Il girasole innamorato della luna", un'intensa poesia in musica - VIDEO

Delicato e intenso: Matteo Faustini

“Condivivere”, composto da 15 tracce intervallate da 6 interludi in cui l’artista si apre totalmente all’ascoltatore, è il racconto di un lungo percorso interiore durato più di 2 anni. Il viaggio introspettivo di Matteo Faustini analizza vari aspetti della società odierna e affronta tematiche attuali con originalità e autenticità. L’album include i singoli già pubblicati “1+1” (che ha debuttato nella top 10 della classifica Earone Airplay Radio Indipendenti e nella top 100 nella classifica generale), “Stanco di piangere”, “Per donare” (vincitore del premio “Miglior Testo” al Christmas Contest e presentato durante l’edizione 2021 del Concerto di Natale in Vaticano, andato in onda su Canale 5), “L’ultima parola” (in gara al contest internazionale per la selezione del rappresentante sammarinese all'Eurovision Song Contest 2022 “Una Voce Per San Marino”), “3 livelli” e il nuovo singolo “Il girasole innamorato della luna”, uscito in digitale lo scorso venerdì e disponibile in radio dal 9 dicembre.

L'artista racconta il nuovo album "Condivivere"

"Condivivere è molto più di un disco. Condivivere è una pace con me stesso. È un percorso di 2 anni e mezzo dove sono cambiato, sono cresciuto. Molte persone potrebbero vederlo come un insieme di canzoni di 3 minuti e mezzo. Io lo vedo veramente come un crescere, un volere essere migliore di me stesso, di quello che ero ieri. È formato da 15 tracce e sono intervallate da 6 sedute con lo psicologo, con dialoghi scritti da me. In questi 2 anni e mezzo è come se fossi stato veramente in psicoanalisi, come se avessi usato la musica in modo catartico, per migliorarmi. C'è chi cucina, chi balla, chi si allena… io scrivo canzoni, quindi scrivere è ciò che utilizzo, e cantarlo poi è il modo per completare l’opera di riappacificazione con me stesso. Ho affrontato così il mio passato. È un disco che parla di me, della mia famiglia ma soprattutto di tutte le anime che hanno condiviso, anzi condivissuto con me questi anni. A differenza del primo disco “Figli Delle Favole”, che ho scritto proprio per me stesso e che quindi era tutto incentrato su di me, senza nemmeno la pretesa che ci fossero altre anime, in questo nuovo disco c'è più cuore, più logica, più responsabilità nei confronti delle anime che ho incontrato. Questo perché mi hanno insegnato tanto: mi hanno insegnato l'amore, l'importanza dell’esserci, dei gesti sopra le parole. Quindi, quando dico che questo disco è nostro, lo penso veramente. Senza di loro queste canzoni le avrei scritte forse tra trent'anni perché non avrei avuto quel moto, e avrei avuto un altro lavoro. La musica sarebbe stato solo un hobby nel tempo libero, e invece oggi fa parte della mia quotidianità. È un percorso nel quale ci si può riconoscere: c'è una canzone al suo interno che si chiama “Laura”, dedicata a mia sorella, ma quando la ascolto credo sia dedicata a tutti noi; “Il doppio della mia metà” è dedicata a mia mamma, ma in realtà a tutte le anime importanti che rappresentano il nostro essere umano preferito, una voce che parla a tutti. La figura dello psicologo, come si scoprirà alla fine del disco, è mio padre. C’è tutta la mia famiglia. È una psicanalisi lunga due anni, e ogni seduta è separata da un blocco di canzoni, un pezzo di vita intervallato da un altro pezzo. L’ordine delle canzoni è ragionato, non è un caso che la penultima canzone sia “Per Donare”, intervallata da una seduta, per poi chiudere con “Solo un po’ di aria”, cioè un respiro, che mi mette pace e chiude un ciclo. Ci sono tantissime tematiche: c’è “Medioego” che si interroga su dove sia Dio in questo mondo, con tutta questa lotta, questa guerra. “Il girasole innamorato della luna” è accompagnato da un videoclip ideato da me e Alessandro Garzaniti. Abbiamo indossato delle etichette, quelle che ci hanno dato per tutta la vita, “negro”, “puttana”, “frocio”, per prenderle e strapparle via. Probabilmente non sconvolgeranno il corso della vita, ma stravolgeranno la giornata di qualcuno, e per me questo è un privilegio. Se ognuno di noi lo facesse, questa bella palla blu sarebbe un mondo migliore. Il perdono, il chiedere scusa, i “3 livelli” dai quali siamo costituiti, la stanchezza del dolore, la paura di essere sensibili, le ansie… tantissime tematiche. È un discorso che per essere pienamente compreso deve essere ascoltato tutto, dall’inizio alla fine, per andare in ordine con le sedute. Spero possa aiutare a riflettere altre anime come hanno aiutato me. Sono grato di aver avuto l’opportunità di vivere così questi 2 anni della mia vita".

Seguici sui nostri canali
Necrologie