Attualità
10 anni

Costa Concordia, nelle operazioni di salvataggio anche un medico bresciano

Le persone salvate furono circa 4200, 32 persero la vita.

Costa Concordia, nelle operazioni di salvataggio anche un medico bresciano
Attualità Brescia, 14 Gennaio 2022 ore 10:08

13 gennaio 2012 - 13 gennaio 2022, sembra ieri eppure sono giù trascorsi dieci anni dal disastro della Costa Concordia.

Cnsas presente

Era la sera del 13 gennaio 2012 quando la nave finì contro gli scogli davanti all’Isola del Giglio e cominciò ad affondare. Le persone salvate furono circa 4200, 32 persero la vita. Il Cnsas (Soccorso Alpino e Speleologico Lombardia)  era presente con una delle componenti più specializzate, quella speleo subacquea (La Commissione speleosub del Cnsas, nata nel 1984, conta una quarantina di tecnici specializzati): tecnici capaci di portare il soccorso medicalizzato anche in grotte e ambienti allagati, compresi quelli marini.

A coordinare un bresciano

Durante le operazioni di salvataggio della Costa Concordia, il coordinatore nazionale per il Cnsas era il lombardo Corrado Camerini, medico bresciano, attuale responsabile della IX Delegazione Speleologica e già direttore della SnaDos (Scuola nazionale direttori delle operazioni di soccorso del Cnsas).

“La nostra missione, allora come adesso, era quella di salvare vite -  ricorda Camerini -  I nostri speleosub, erano 19 quelli operativi all’isola del Giglio, effettuarono immersioni senza interruzione per una settimana, in un ambiente buio e in condizioni davvero inusuali”.

 

Necrologie