Attualità
la posizione

Confartigianato Brescia dice "no" al salario minimo

Per Confartigianato, la determinazione del salario deve continuare ad essere affrontata dalla contrattazione collettiva.

Confartigianato Brescia dice "no" al salario minimo
Attualità Brescia, 10 Giugno 2022 ore 14:47

Il presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia Eugenio Massetti è critico su interventi pubblici vincolanti in materia salariale.

Quali le conseguenze a cui fa riferimento Massetti

«No al salario minimo per legge. L’introduzione di un salario minimo legale è improponibile poiché, nel caso in cui fosse inferiore a quello stabilito dai contratti collettivi ne provocherebbe la disapplicazione e, nel caso in cui fosse più alto, si creerebbe uno squilibrio nella rinegoziazione degli aumenti salariali con incrementi del costo del lavoro non giustificati dall’andamento dell’azienda o del settore».

Una questione che deve essere affrontata dalla contrattazione collettiva

Per Confartigianato, la determinazione del salario deve continuare ad essere affrontata dalla contrattazione collettiva, per non compromettere il delicato equilibrio fra retribuzione, tutele contrattuali e competitività delle imprese che in Italia è garantito da oltre 70 anni da una contrattazione di qualità, estremamente diffusa, con un livello di copertura che non ha nessun altro Paese europeo.

«La contrattazione collettiva – continua il presidente Massetti – garantisce già condizioni e strumenti per sostenere i redditi e individuare modalità per migliorare la produttività. La fissazione ex lege del salario sminuirebbe il ruolo svolto dalla negoziazione tra le parti sociali per l’individuazione di trattamenti economici congrui e coerenti, rischiando di colpire anche le tutele collettive e i sistemi di welfare integrativi. Nell’artigianato e nelle piccole imprese la contrattazione collettiva definita dalle Organizzazioni più rappresentative, come la Confartigianato, oltre a determinare salari rispettosi dell’art. 36 della Costituzione, è anche lo strumento che ha consentito di individuare soluzioni su misura per le esigenze organizzative e di flessibilità di imprese appartenenti a settori e con mercati spesso estremamente diversi fra di loro, assicurando, nel contempo, importanti tutele collettive ai lavoratori, anche attraverso il proprio consolidato sistema di bilateralità».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie