Attualità
2022

Confagricoltura Brescia, le nove sfide: sostenibilità, redditività e innovazione

Garbelli:"Gli imprenditori bresciani sono pronti a impegnarsi affinché il settore agroalimentare cresca sempre più in termini di tutela ambientale".

Confagricoltura Brescia, le nove sfide: sostenibilità, redditività e innovazione
Attualità Brescia, 15 Dicembre 2021 ore 14:20

Si avvicina la fine dell’anno e per tutti è tempo di bilanci. Non solo, il momento è propizio anche per guardare avanti, per pianificare attività e impegni del 2022.

Tre sfide

Per Confagricoltura Brescia resta nodale l’obiettivo di fare impresa, con tre sfide nel breve e nel medio periodo: la sostenibilità, l’innovazione e la redditività delle aziende agricole, per un comparto che, nella provincia di Brescia, ha una produzione lorda vendibile di 1,6 miliardi (dato 2020).

Sempre più popolazione

Si parte da un assunto: la popolazione mondiale è in continuo aumento. Nel giro di pochi anni ci saranno nove milioni di persone, con purtroppo sacche di povertà in aumento. Il compito dell’agricoltura è assicurare il cibo per tutti, ma per fare questo è necessario produrre di più, utilizzando le nuove tecnologie e l’agricoltura 4.0 in modo sostenibile, con grande attenzione all’ambiente. La tutela dell’ambiente è, tra l’altro, il fil rouge di tutta la Pac (Politica agricola comune) in risposta ai cambiamenti climatici. In questo frangente la proposta di Confagricoltura è “l’intensificazione sostenibile”, una strategia capace di far  crescere le produzioni riducendo in parallelo gli impatti ambientali dei processi agricoli e sviluppando, di conseguenza, l’agricoltura italiana. Si tratta di un obiettivo che può essere raggiunto mettendo in campo tutte le conoscenze scientifiche disponibili, a partire dalle Nbt (tecnologie di ingegneria genetica di ultima generazione), superando finalmente le resistenze pregiudiziali alla ricerca.

Le parole del presidente

Il progresso tecnologico è stato enorme anche nel settore primario: le nuove tecnologie digitali hanno da tempo varcato la soglia delle aziende agricole anche nel Bresciano, dimostrando come l’innovazione nelle aree rurali, la tecnologia, la robotica e l’economia circolare possano migliorare le produzioni, far risparmiare risorse naturali e favorire il benessere aziendale, sociale ed economico.

“La grande maggioranza ha già effettuato investimenti importanti in innovazione - dichiara il presidente di Confagricoltura Brescia Giovanni Garbelli -, rendendo le imprese più moderne e competitive, migliorando la qualità dell’occupazione e tutelando chi lavora, oltre che valorizzando il prodotto. Gli imprenditori bresciani sono pronti a impegnarsi affinché il settore agroalimentare cresca sempre più in termini di tutela ambientale, a condizione però di non inficiare il valore aggiunto dell’agricoltura e non compromettere lavoro e redditività”.

Necrologie