Attualità
Salò

Circolo Arci "Vittorio Zambarda": tutto pronto per la giornata del tesseramento

Nel corso degli anni sono stati tanti gli eventi organizzati dal circolo salodiano e tanti gli artisti che fecero tappa proprio nella città benacense: nel 1979 fu la volta degli Inti Illimani; nel 1986 Paquito D’Rivera (jazz quintet) e i Nomadi; nel 1988 Bibi King, Luca Barbarossa e Fiorella Mannoia.

Circolo Arci "Vittorio Zambarda": tutto pronto per la giornata del tesseramento
Attualità Garda, 21 Ottobre 2022 ore 10:14

É in programma per domenica 23 ottobre 2022 la giornata di tesseramento del Circolo Arci Vittorio Zambarda di Salò in via Orti.

Assemblea e momento conviviale

Si parte alle 11.15 con l'assemblea e, a seguire alle 12.30 il pranzo autogestito la quale somma ricavata verrà utilizzata per finanziare le iniziative che verranno organizzate dal circolo stesso. Nel corso della mattinata, inoltre, verranno illustrate le bozze dei programmi per i prossimi mesi. La partecipazione è aperta a chiunque abbia delle proposte da sottoporre all'attenzione.

Sede dell'Opera Nazionale Dopolavoro

É una lunga storia quella dell’Arci Salò, una storia che ha inizio nell’immobile situato tra la Farmacia De Paoli e il Bar Italia sul lungolago Zanardelli: questa fu la sede dell’Opera Nazionale Dopolavoro che si poneva come obiettivo «il sano e proficuo impiego delle ore libere dei lavoratori dirette a sviluppare le capacità morali, intellettuali e fisiche del clima spirituale della Rivoluzione Fascista» ma, il 13 settembre 1945, come sancito da una lettera del Governo Militare Alleato in provincia di Brescia fu liberata divenendo «sede di libere e solidali istituzioni democratiche».

«In un primo momento – spiega il presidente Paolo Canipari – vi fu l’adesione all’Enal (Ente Nazionale Assistenza Lavoratori) fino al 1971: il 29 ottobre di quell’anno, infatti, viene revocata l’adesione all’Enal e si concretizza il passaggio all’Arci. Nel novembre dello stesso anno il verbale delle elezioni per le cariche sociali riportava i seguenti nomi e voti: Alberto Canipari, mio padre, con 42 voti; Sergio Marzocchi 41 voti; Carlo Apollonio 36 voti; Battista Giacomini 34 voti; io con 19 voti Giovanni Nedrotti con 17 voti e Angelo Folli con 15 voti. Come revisori dei conti vi erano Dino Gozza con 10 voti, Primo Bellini 7 voti e Renato Ausonio 6 voti. L’Arci si costituì con il solo scopo di favorire la crescita culturale delle masse lavoratrici e popolari di tutta la zona di Salò. Tra le tante iniziative, per esempio, quella del cinecircolo negli anni ‘70 che ebbe da subito un grande successo».

Nel corso degli anni sono stati tanti gli eventi organizzati dal circolo salodiano e tanti gli artisti che fecero tappa proprio nella città benacense: nel 1979 fu la volta degli Inti Illimani; nel 1986 Paquito D’Rivera (jazz quintet) e i Nomadi; nel 1988 Bibi King, Luca BarbarossaFiorella Mannoia e gli Skiantos e nel 1989 Edoardo Bennato ed Enzo Jannacci.

E fu proprio nel 1989 che avvenne il trasferimento della sede dai locali di lungolago Zanardelli (abbandonata per problemi strutturali) a quella attuale in via Orti, che un tempo ospitò il cinema Splendor.

Seguici sui nostri canali
Necrologie