Attualità
SULZANO

Caos parcheggi a Sulzano, interviene Legambiente

Protesta degli ambientalisti per il caos parcheggi

Caos parcheggi a Sulzano, interviene Legambiente
Attualità Sebino e Franciacorta, 16 Luglio 2021 ore 14:54

Caos parcheggi a Sulzano, interviene Legambiente.

“Il lago vi accoglie anche in treno o in bicicletta”: questo è lo striscione che sventola all’ingresso di Sulzano, appeso dai volontari di Legambiente.

Ogni weekend è la solita storia, Sulzano è preso d’assalto da più di un migliaio di autovetture che trasportano in media 3 persone dirette a Monteisola per alcune ore.

I cittadini protestano perché si trovano automobili in ogni luogo pubblico, nelle loro proprietà o davanti ai cancelli d’ingresso di casa. In mattinata e la sera il traffico è congestionato e l’inquinamento cresce.

Il traffico rende pericolosa la circolazione sia delle biciclette (sempre più numerose) che dei pedoni (visto che manca una pista ciclo-pedonale da Pilzone a Sulzano e da Sulzano a Sale Marasino, le tratte più strette e pericolose).

Gli abitanti di Vertine (una frazione di Sulzano) non possono venire in paese neppure a piedi, se non rischiando di grosso. Sulzano dispone di circa 1.200 parcheggi, 665 pubblici (di cui una parte è riservata ai residenti) e 535 privati.

Più che sufficienti per un piccolo paese stretto tra la collina e il lago e in continua crescita. Per evitare il caos sarebbe necessaria l’installazione di due pannelli luminosi sulla ex strada statale 510 Sebina e sulla litoranea, da dove avvisare gli automobilisti del numero di posti auto ancora disponibili. In caso di riempimento degli stalli di Sulzano i visitatori proseguirebbero direttamente verso Sale Marasino o Marone per trovare i parcheggi in aree meno congestionate.

L’invito di Legambiente è rivolto anche alle amministrazioni comunali, affinchè affrontino il problema della viabilità sia dal punto di vista della gestione dei parcheggi che dello sviluppo della mobilità sostenibile.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie