Attualità
Giornata mondiale della salute mentale

Asst Garda aderisce all'H-Open Weekend con consulti gratuiti

In prima linea per la prevenzione del baby blues e della depressione post partum.

Asst Garda aderisce all'H-Open Weekend con consulti gratuiti
Attualità Garda, 30 Settembre 2021 ore 14:50

Un'occasione che Asst Garda offre in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale.

Il 10 ottobre

In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, che si celebra il prossimo 10 ottobre, ASST Garda aderisce all’H-Open Weekend proposto da Fondazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere) agli ospedali con i Bollini Rosa, e offre alle donne nel periodo del puerperio, fino ad 1 anno di vita del bambino, la possibilità di effettuare un colloquio gratuito con gli specialisti che si occupano del progetto prevenzione della depressione perinatale, attivo dal 2018 presso le strutture aziendali.

Gli obiettivi

Obiettivo della Giornata è sensibilizzare la popolazione sull’importanza della diagnosi precoce e favorire l’accesso alle cure, aiutando a superare pregiudizi, stigma e paure legati alle malattie psichiche. Nella giornata di venerdì 8 ottobre sarà possibile incontrare gli specialisti, al Presidio di Lonato del Garda nella fascia oraria 10 – 12, per una consulenza mirata alla prevenzione del baby blues e della depressione post partum. Per accedere al colloquio è necessaria la prenotazione da effettuare tramite mail da inviare a: ernestina.sandrini@asst-garda.it.

Quali sono i presidi Asst Garda coinvolti?

Fondazione Onda ha riconosciuto ai Presidi Ospedalieri di Desenzano, Gavardo e Manerbio, per il biennio 2020-2021, 3 Bollini Rosa ciascuno, su una scala da 1 a 3, confermando il risultato del biennio precedente. I Bollini Rosa sono il riconoscimento che Onda, da sempre impegnata sul fronte della promozione della medicina di genere, attribuisce agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

Necrologie