Attualità
Inclusione

Al via "Insuperabile", la staffetta dell'inclusione patrocinata dalla Provincia di Brescia

L'incontro più importante sarà in Vaticano con Papa Francesco.

Al via "Insuperabile", la staffetta dell'inclusione patrocinata dalla Provincia di Brescia
Attualità Brescia, 09 Agosto 2022 ore 13:38

Mancano solo pochi giorni alla partenza della staffetta dell’inclusione che, in 25 giorni di cammino, porterà i partecipanti da Proceno alle porte di Roma, per poi passare da Spoleto, Assisi, Città di Castello fino alle pendici dell’Appennino al Santuario della Verna seguendo il percorso della Via di Francesco, domenica 14 agosto 2022 parte la seconda edizione della staffetta dell'inclusione.

Il progetto

Il progetto porta per il secondo anno consecutivo una firma 100% bresciana, ma si riconferma in grado di coinvolgere associazioni e realtà di tutto il territorio nazionale, isole comprese. InSuperabile nasce, infatti, da un’idea del Dr. Gabriele Rosa con le associazioni LAMU Libera Accademia del Movimento Utile e ASD Rosa Running Team, grazie alla collaborazione di Se Vuoi Puoi e Pedalabile. Forte dell’esperienza maturata nel 2021 lungo la Via Francigena, il progetto ha saputo attirare per il 2022 molti i gruppi di persone con diverse fragilità, patologie e disabilità che seguiranno a passo lento le vie legate alla memoria del santo di Assisi, passandosi un simbolico testimone di speranza, rinascita e di nuove aperture verso l’indipendenza, l’autosufficienza e la fiducia in sé stessi, quale opportunità per tutti. Tra queste l’Associazione Aole, Diversamente Odv, Progetto Filippide, la Cooperativa sociale Lavorare insieme e la Cooperativa San Martino. Una camminata che si preannuncia ricca di incontri e momenti di confronto tra i camminatori e le istituzioni locali che, come già successo nella precedente edizione, desiderano accogliere l’importanza di questo profondo messaggio di inclusione e solidarietà aprendo le porte dei propri comuni e borghi al dialogo. Sono, infatti, molti gli enti locali – oltre a Provincia di Brescia e Regione Lombardia – che hanno patrocinato la manifestazione sottolineando la volontà di avere una voce attiva nella diffusione di questo importante messaggio. Tra questi le tre regioni attraversate dalla Via di Francesco: Lazio, Umbria e Toscana. Tra gli incontri, il più importante torna ad essere quello con Papa Francesco in Vaticano, in occasione del passaggio dei gruppi da Roma, che saluterà nuovamente i camminatori infondendo loro coraggio e forza. Ma perché mettersi in cammino, su strade, mulattiere e sentieri per quasi 700 chilometri?

“Proprio perché l’Italia è il nostro paese e, nel nostro piccolo, desideriamo riportare l’attenzione sul territorio nazionale e su uno dei cammini più evocativi d’Europa, che attraversa borghi e città di straordinaria bellezza, paesaggi molto differenti tra loro, su cui certamente anche lo stesso Francesco ha posato lo sguardo. I partecipanti potranno così ripercorrere le sue tracce attraverso quei luoghi che conservano la memoria delle sue parole e che spesso sono ancora oggi tenuti vivi e accoglienti dai frati minori. Un autentico “cammino dello spirito”, che parla di amore per le piccole cose, di rispetto e gratitudine per il creato, di accoglienza generosa dell’altro, chiunque egli sia.".

Le parole del Dottor Gabriele Rosa

“Fra pochi giorni ripartirà InSuperAbile. Il mio auspicio è che questo progetto si diffonda in Italia insieme alle emozioni vissute dai partecipanti e possa essere un invito per tanti a fare il primo passo, anche quando ci sono limiti che sembrano invalicabili, per andare oltre e vivere con altri un’esperienza dal forte contenuto umano. Un progetto di complicata organizzazione che, proprio per come è concepito, si pone l’obiettivo di dar vita ad una piccola comunità di camminatori accomunati da un unico desiderio: mettere un passo davanti all’altro per raggiungere la meta. Non importa che il passo sia fermo o incerto, quello che conta è che ognuno lasci la propria orma, inconfondibile ed unica. Chiunque in Italia voglia partecipare non deve far altro che contattarci per l’edizione 2023. Buon cammino ragazzi!”

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie