Coldiretti

Agriturismi protagonisti dell'estate 2024: sono 114 nel Bresciano

La Lombardia conta oltre 500 agriturismi che si trovano nelle zone montane

Agriturismi protagonisti dell'estate 2024: sono 114 nel Bresciano
Pubblicato:

Agriturismi protagonisti dell'estate 2024: sono 114 nel Bresciano.

Nel Bresciano 114 agriturismi

La Lombardia conta oltre 500 agriturismi che si trovano nelle zone montane, di questi 114 nelle montagne bresciane. Questi danno vita ad una rete di ospitalità contadina con servizi di alloggio, ristorazione e attività ricreative per i tanti turisti e appassionati che ogni anno frequentano le montagne della nostra regione. È quanto afferma Coldiretti Lombardia, su dati Istat, in occasione della "Giornata regionale per le montagne" che quest’anno è stata celebrata ieri (domenica 7 luglio 2024).

 

“Gli agriturismi – spiega Tiziana Porteri, presidente di Terranostra Brescia, l’associazione per l’agriturismo promossa da Coldiretti - rappresentano luoghi ideali per uno o più giorni di vacanza tra enogastronomia, natura e benessere, all’insegna di una modalità di turismo lento e sostenibile, che va alla scoperta del territorio montano e delle sue bellezze paesaggistiche, architettoniche e culturali anche attraverso esperienze e iniziative proposte dagli stessi agriturismi”.

 

Il 40,5% del territorio

In Lombardia – afferma la Coldiretti su dati regionali – le aree montuose rappresentano il 40,5% del territorio, mentre quasi il 30% del flusso annuo di turisti negli esercizi ricettivi lombardi, interessa le località montane. L’agriturismo – spiega Terranostra Brescia – è la struttura turistica piu’ integrata nel territorio montano, del quale segue i ritmi con l’attività di coltivazione e di allevamento e ne tutela l’identità anche nell’offerta enogastronomica, dai formaggi ai salumi fino ai vini.

 

Per godere della bellezza della montagna – conclude Coldiretti – occorre quindi ricordare e sostenere il ruolo svolto in questo ambiente dall’agricoltura e dall’allevamento, che ne assicura la vitalità e ne disegna le forme ed i colori, mettendo in atto azioni e strategie per scongiurare il pericolo dell’abbandono di queste aree.

In evidenza un'immagine d'archivio.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali