La situazione

Agricoltura nel Bresciano: domanda unica, misure agroambientali e indennità compensativa

Nel 2023 Regione Lombardia ha pagato oltre 414milioni di euro a 25.900 aziende agricole beneficiare della Domanda Unica, delle misure agroambientali e dell'indennità compensativa in zone  di montagna del PSR-Programma di Sviluppo Rurale

Agricoltura nel Bresciano: domanda unica, misure agroambientali e indennità compensativa
Pubblicato:

Agricoltura: nel 2023 Regione Lombardia ha pagato oltre 414milioni di euro a 25.900 aziende agricole beneficiare della Domanda Unica, delle misure agroambientali e dell'indennità compensativa in zone  di montagna del PSR-Programma di Sviluppo Rurale. Tutti i dati del Bresciano.  Lo comunica l’assessore regionale all’Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste, Alessandro Beduschi. 

Le parole dell'assessore regionale Beduschi

 

“Abbiamo liquidato - commenta Beduschi - oltre il 97% delle spese previste dalla nostra programmazione, centrando abbondantemente il target del 95% imposto dai regolamenti europei. La Regione ha dimostrato un'efficace capacità di gestione e supporto al settore agricolo. Questo traguardo conferma il nostro impegno nel sostenere gli agricoltori lombardi, garantendo risorse fondamentali per lo sviluppo e la crescita sostenibile del comparto”.

 

Nel dettaglio, l’Organismo Pagatore Regionale ha erogato oltre 350 milioni di euro (96,92% di copertura) nell’ambito della Domanda Unica (DU), di cui 127 milioni destinati al settore zootecnico e 29,5 milioni a quello della risicoltura. Oltre 40 milioni di euro sono stati erogati alle aziende nell’ambito delle misure 10.1 e 11 dedicate a produzione integrata e agricoltura biologica mentre sono quasi 17 i milioni di euro (99,14%) per la misura SRB01, che fa riferimento alle zone svantaggiate di montagna. Per gli interventi SRA, dedicati a introduzione o mantenimento di pratiche a basso impatto ambientale sono stati liquidati 7.7 milioni di euro (97,16%).

 

“Con l’efficienza che da sempre contraddistingue Regione Lombardia e l’Organismo Pagatore Regionale - conclude Beduschi - superiamo brillantemente gli obiettivi imposti ma soprattutto diamo la liquidità dovuta alle nostre aziende agricole, sostenendole in periodo complesso e difficile e contribuendo concretamente alla loro tenuta e competitività. Continueremo a lavorare con dedizione per mantenere questi elevati standard di efficienza e supporto”.

Agricoltura, i fondi erogati per provincia

Nel dettaglio suddiviso per provincia, i fondi erogati

 

Domanda Unica

Bergamo 2.716 aziende – 23.767.000 euro
Brescia 6.237 aziende – 70.740.000 euro
Como 576 aziende – 3.903.000 euro
Cremona 2.687 aziende – 55.344.000 euro
Lecco 345 aziende – 2.000.000 euro
Lodi 876 aziende – 22.000.000 euro
Monza Brianza 300 aziende – 2.000.000 euro
Milano 1.650 aziende – 27.590.000 euro
Mantova 5172 aziende – 62.884.000 euro
Pavia 3.660 aziende – 66.150.000 euro
Sondrio 1.010 aziende – 8.804.000 euro
Varese 371 aziende – 2.223.000 euro
Altre (sede legale fuori regione) 297 aziende – 3.385.000 euro

 

Misure SRA+10.1+11

Bergamo 213 aziende – 1.264.000 euro
Brescia 770 aziende – 5.984.000
Como 58 aziende – 289.000 euro
Cremona 351 aziende – 4.066.000 euro
Lecco 49 aziende – 151.735 euro
Lodi 135 aziende – 2.444.000 euro
Monza Brianza 24 aziende – 176.000 euro
Milano 279 aziende – 3.205.700 euro
Mantova 585 aziende – 5.786.500 euro
Pavia 1.580 aziende – 20.811.000
Sondrio 173 aziende – 593.628 euro
Varese 14 aziende – 75.306 euro
Altre (sede legale fuori regione) 131 aziende – 1.639.000 euro

 

Misura SRB01 Zone svantaggiate

Bergamo 1.042 aziende – 3.677.000 euro
Brescia 1.167 aziende – 3.450.000 euro
Como 186 aziende – 674.600 euro
Cremona 8 aziende – 105.350 euro
Lecco 154 aziende – 379.747 euro
Lodi 3 aziende – 30.212 euro
Monza Brianza 3 aziende – 14.741 euro
Milano 29 aziende – 82.841 euro
Mantova 1 azienda – 8.930 euro
Pavia 714 aziende – 1.226.000 euro
Sondrio 1.296 aziende – 7.178.350 euro
Varese 82 aziende – 85.709 euro
Altre (sede legale fuori regione) 30 aziende – 66.204 euro.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali