Attualità
Inaugurazione

Ados Brescia Aps, inaugurata la panchina rossa

Alla breve cerimonia erano presenti l'Assessora alle Politiche giovanili e alle Pari opportunità Roberta Morelli e la presidente di Ados Brescia Aps (Associazione delle Donne Operate al Seno) dottoressa Graziella Iacono.

Ados Brescia Aps, inaugurata la panchina rossa
Attualità Brescia, 04 Aprile 2022 ore 16:32

Inaugurata questa mattina (lunedì 4 aprile) in via Nikolajewka a Brescia la panchina rossa posata dall'associazione Ados Brescia Aps.

Una cerimonia breve ma sentita

Alla breve cerimonia erano presenti l'Assessora alle Politiche giovanili e alle Pari opportunità Roberta Morelli e la presidente di Ados Brescia Aps (Associazione delle Donne Operate al Seno) dottoressa Graziella Iacono. Ados onlus sezione di Brescia è formata da donne operate al seno che desiderano mettere a disposizione la loro personale esperienza di malattia e di recupero per altre donne interessate dal medesimo problema.

Ados Brescia

L’associazione affonda le radici nel 1981, quando il prof. Mario Zorzi, anatomo-patologo e presidente della Lega per la Lotta contro i Tumori di Brescia, il prof. Marzio Resti, senologo, e il prof. Leonardo Lojacono, chirurgo, diedero vita al CAM - Centro Assistenza Mastectomizzate. La prima presidenza fu retta da Anna Sottini, signora operata al seno.
Il CAM offriva amicizia, vicinanza e condivisione negli ospedali alle donne appena operate a seguito di una neoplasia, attività oggi non più possibile a causa della breve durata delle degenze post chirurgiche. Presto si sancì il sodalizio con l’ANDOS di Trieste, associazione con le medesime finalità, a cui seguirono proficue collaborazioni con altri comitati sparsi sul territorio. A marzo 2003 il nome CAM venne così cambiato in ANDOSITALIA. Le volontarie bresciane si recavamo negli ospedali e donavamo protesi in cotone provvisorie per rendere meno sgradevole il periodo prima della ricostruzione del seno (che oggi, nella quasi totalità dei casi, viene effettuata durante l’intervento di esportazione del tumore). Venivano dati loro consigli anche sulle pratiche burocratiche e su quanto di poco chiaro desideravano capire meglio. A luglio 2004, dopo aver riscontrato uno scollamento nel modus operandi di ANDOS nazionale, l’associazione bresciana decise, insieme ad altre 25 sezioni italiane, di autonomizzarsi e di assumere il nome attuale: ADOSITALIA onlus di BRESCIA Associazione Donne Operate al Seno (ADOSBRESCIA). Da allora ADOSBRESCIA ha sempre aderito con entusiasmo alle varie campagne di utilità per le donne operate: la più rilevante risale al 2004, quando venne lanciata una raccolta fondi per donare un mammografo al Centro Senologico di Brescia. L’associazione, nel 2016, ha anche sostenuto una campagna di prevenzione, coniando una specifica locandina da distribuire nelle sale d’attesa dei medici e di alcuni negozi specializzati, e ha dato vita a varie iniziative ludiche e culturali, come una mostra di acquarelli dipinti dalle nostre socie nel 2009, momenti conviviali come gite, merende e sfilate di costumi adatti a chi, allora, doveva portare le protesi provvisorie. Ogni anno ADOSBRESCIA partecipa in quanto membro del comitato organizzatore alla Corsa Rosa, che si tiene a Brescia nel mese di marzo.
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie