Attualità
Unione Europea

Acque Bresciane, dall'Europa in arrivo 45milioni di euro

Si tratta di uno dei primi progetti italiani, l’unico nel settore idrico e in Lombardia.

Acque Bresciane, dall'Europa in arrivo 45milioni di euro
Attualità Brescia, 07 Ottobre 2022 ore 14:39

Europa in prima linea per il settore idrico della provincia di Brescia, in arrivo 45milioni di euro per Acque Bresciane.

Investimenti per oltre 372miliardi

Il Gruppo BEI e la Commissione hanno lanciato oggi ( venerdì 7 ottobre 2022) a Roma il programma InvestEU, che mira ad attivare investimenti per oltre 372 miliardi. Fra le prime tre operazioni in Italia un finanziamento da 45 milioni per Acque Bresciane per potenziare copertura, qualità e resilienza dei servizi per le acque reflue in provincia di Brescia.

Piano industriale: oltre un miliardo di opere entro il 2045

Il programma InvestEU è stato lanciato a Roma in occasione di un evento organizzato  dalla Commissione europea  congiuntamente con il Gruppo BEI, che comprende la Banca europea per gli investimenti (BEI) e il Fondo europeo per gli investimenti (FEI): tale progetto, grazie ad una garanzia di bilancio dell'UE di 26,2 miliardi di euro, mira ad attivare investimenti per oltre 372 miliardi volti a sostenere le priorità strategiche dell'Unione europea, come il Green Deal europeo e la transizione digitale. Dopo i saluti di Gelsomina Vigliotti, Vicepresidente BEI, sono intervenuti Daniele Franco, Ministro dell'Economia e delle Finanze, Paolo Gentiloni, Commissario europeo per gli Affari economici e Dario Scannapieco, Amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti, hanno partecipato il presidente di Acque Bresciane Gianluca Delbarba e il CFO della società Alessandro Varesio, per la firma del progetto.

“Essere fra le prime realtà coinvolte da questo grande progetto europeo ci onora e conferma l’affidabilità e la solidità di una società benefit interamente pubblica, che si propone come compito innanzitutto quello di colmare le carenze infrastrutturali del settore idrico bresciano -  ha commentato Gianluca Delbarba - Tutta Europa vive un momento difficile, queste alleanze ci consentono di guardare con fiducia alle sfide che ci attendono e di garantire ai cittadini che abbiamo la capacità di investire e tener fede al nostro Piano industriale, che prevede oltre un miliardo di opere entro il 2045.”

 

 

Uno dei primi in Italia

Uno dei primi progetti italiani, l’unico nel settore idrico e in Lombardia. Grazie al supporto della Banca dell’UE e della Commissione Europea via InvestEU, Acque Bresciane potenzierà le infrastrutture idriche esistenti al fine di incrementare copertura, qualità e resilienza dei servizi per le acque reflue, in un territorio che deve ancora completare il passaggio al Gestore unico e presenta numerose infrazioni europee nel settore della depurazione. Un prestito di 40 milioni, che potrà essere esteso a 45 milioni di euro, concesso dalla Banca europea per gli investimenti (BEI) ad Acque Bresciane (AB), società benefit pubblica che fornisce il servizio idrico integrato a 97 comuni, per una popolazione servita di 580.000 abitanti nel territorio dell’ATO di Brescia.

Finalità

Il fine che si propone il progetto, attraverso gli  investimenti previsti, è migliorare l'efficienza operativa ed energetica di Acque Bresciane e contribuire a garantire sostanziali benefici sociali, come la lotta contro il cambio climatico e quindi a migliorare la salute pubblica nel territorio, oltre ad aumentare le opportunità di lavoro. Gli efficientamenti porteranno a un risparmio energetico totale stimato è di 4,402 MWh rispetto allo scenario di riferimento, equivalente al consumo energetico annuale di circa 1,600 famiglie italiane. La BEI è la Banca del Clima dell’UE, nonché uno dei maggiori finanziatori del settore idrico a livello mondiale, con più di 1.600 progetti e circa 80 miliardi di euro di finanziamenti erogati. Tenuto conto delle grandi necessità di investimento nel settore idrico in Italia, negli ultimi 5 anni la BEI ha finanziato più di 30 operazioni per 2.3 miliardi di euro, contribuendo ad attivare investimenti per quasi 7,6 miliardi a livello nazionale.

 

InvestEU

É un finanziamento cruciale sul lungo termine quello che il programma InvestEU fornisce all'Unione europea, attraverso importanti fondi pubblici e privati a sostegno di una ripresa sostenibile.  Ad essere adottati tutta una serie di strumenti finanziari dell'UE che sono attualmente disponibili il tutto  rendendo il finanziamento di progetti di investimento più semplice, efficiente e flessibile. Il programma, che si basa sul successo del precedente Piano di investimenti, noto anche come "Piano Juncker" (più di 500 miliardi di euro attivati nel periodo 2015-2021), è costituito da tre componenti: il Fondo InvestEU, l'InvestEU Advisory Hub e il Portale InvestEU.

Con una garanzia di bilancio dell’UE di circa 26 miliardi di euro a favore delle operazioni di finanziamento, InvestEU ha l’obiettivo di mobilitare oltre 372 miliardi di investimenti aggiuntivi entro il 2027 prevedendo che il Gruppo BEI (BEI e FEI) sostenga investimenti che beneficeranno del 75% della garanzia del bilancio europeo, mentre il rimanente 25% andrà a copertura degli investimenti effettuati da istituzioni finanziarie internazionali e dagli istituti nazionali di promozione come Cassa Depositi e Prestiti. Il Gruppo CDP ha infatti concluso positivamente il processo di accreditamento come partner esecutivo della Commissione Europea e ha già sottoscritto il primo Contribution Agreement nell’ambito del Polo di Consulenza InvestEU.

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie