Attualità
Montichiari

A tu per tu con l'astronauta: domanda "spaziale" a Samantha Cristoforetti

Irene Azzi, 10 anni, di Montichiari, ha potuto parlare con la comandante della Stazione Spaziale Internazionale.

Attualità Montichiari, 08 Ottobre 2022 ore 13:33

Samantha Cristoforetti, 45 anni, è la prima donna italiana negli equipaggi dell'Agenzia Spaziale Europea e la prima donna europea comandante della Stazione Spaziale Internazionale. Lunedì si è collegata dallo spazio con la Triennale di Milano e la ragazzina monteclarense le ha posto una domanda.

A tu per tu con l'astronauta

Non ha ancora 11 anni, ma ha già una storia straordinaria da raccontare. Perché Irene Azzi lunedì scorso ha potuto dialogare con l'astronauta Samantha Cristoforetti, in collegamento dalla Stazione Spaziale Internazionale. Irene abita a Montichiari e frequenta la prima media alla scuola paritaria Tovini Kolbe.

L'evento

All'evento "In dialogo con lo spazio - Samantha Cristoforetti incontra il Cielo Itinerante", che si è tenuto alla Triennale di Milano, era accompagnata da papà Alessandro e da mamma Valentina. In sala era presente anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, mentre l'altro collegamento dallo spazio era con Forcella, con il primo cittadino di Napoli, Gaetano Manfredi, a fare gli onori di casa. E poi tanti bambini, tutti tra i 6 e i 13 anni. Irene è affascinata dallo spazio, anche se non è stato il suo primo amore.

Inizialmente pensavo che, da grande, avrei fatto la veterinaria. Ma ho paura del sangue e, per adesso, ho messo da parte la medicina veterinaria. Certo che fare l'astronauta sarebbe un sogno, ancora di più dopo questa bellissima esperienza. Anche se la mamma ha paura che nello spazio mi possa accadere qualcosa.

"Meglio la veterinaria", annuisce mamma Valentina. Ma sarà dura far cambiare idea a questa ragazzina, che sembra timida, ma sa quello che dice e quello che fa. Non a caso quando sembrava che fosse impossibile dialogare direttamente con Samantha Cristoforetti era un po' delusa, ma non appena si è aperto uno spiraglio, lei si è fiondata sul palco, si è presentata e ha posto una domanda sui buchi neri. "Ed è stato davvero emozionante".
Una passione, quella per l'astronomia, nata proprio grazie alla mamma.

Lo spazio mi ha sempre affascinato. Poi due anni fa mia mamma mi ha dato un suo vecchio libro di astronomia e la curiosità è diventata sempre più grande.

Un momento indimenticabile

E' rimasta molto colpita da Samantha Cristoforetti:

E’ solare, serena, sempre sorridente, sembrava una ragazzina in un mondo incantato. Ci ha raccontato che vede l'alba e il tramonto 16 volte al giorno, perché la Stazione Spaziale Internazionale compie il giro della terra ogni ora e mezza. Ha risposto a tutte le domande, anche a quelle più intime.

Nel corso della diretta, infatti, i bambini hanno potuto chiederle le cose più disparate, da come si mangia a come si dorme nello spazio, da come si va in bagno sulla Stazione Spaziale Internazionale a come si smaltiscono i rifiuti fino a come reagisce il corpo umano quando si torna sulla Terra. Lei ha risposto a tutti, con semplicità, facendo anche con alcuni esempi pratici. "Come quando si è messa a testa in giù o quando ci ha fatto vedere come fluttuava una goccia d'acqua prima di inghiottirla".

Un messaggio importante

Ma questo orgoglio italiano ha anche mandato un messaggio importante ai bambini in collegamento e non solo a loro. «Siete una grande fonte di ispirazione e speranza. Il messaggio che vi voglio mandare è quello di mantenere viva la curiosità. Quando ero una bambina sono stata molto fortunata, perché ho avuto delle maestre brave negli anni di scuola, già dalle elementari, che mi parlavano delle montagne, del cielo, delle stelle e cresceva la mia passione. Mi sono appassionata sempre più fino a quando è diventato naturale per me cercare di inseguire questo sogno. Abbiate anche voi voglia di imparare e di coltivare un grande sogno. Io da piccola volevo diventare un’astronauta e ho avuto la fortuna che diventasse realtà.

Queste le parole di Samantha Cristoforetti. Insomma, il suo sogno si è realizzato, ora tocca a Irene.

Seguici sui nostri canali
Necrologie