La ricetta della Persicata bresciana

La ricetta della Persicata bresciana
26 Aprile 2017 ore 17:42

La persicata è una confettura solida tipica della pasticceria bresciana. Il nome deriva appunto dal vocabolo dialettale Persech, che significa appunto pesca.  Brescia, che si può trovare nelle località della sponda bresciana del Lago di Garda anche sotto forma di souvenir. Intorno alla nascita di questa ricetta, la leggenda narra che una mamma di Collebeato, volesse far recapire al figlio in guerra le pesche del paese.

Non potendo consegnare questi frutti freschi, decise di trasformarli in confettura e poi in gelatine, affinchè mantenessero la loro dolcezza. Da qui nacque la persicata, sotto forma di barrette di gelatina. La preparazione prevede che la polpa della pesca sia lasciata a disidratare per qualche settimana e poi trasformata.

Gli ingredienti sono pochi e la preparazione è a dir poco elementare.

 Ingredienti :

 1 kg pesche
 1 kg di zucchero 

Preparazione:

Lavare le pesche e immergerle in abbondante acqua bollente per poterle pelare con facilità. Pelare, aprire ed eliminare il nocciolo interno. Prendere la polpa e passarla al setaccio.

Pesare la polpa setacciata e raccoglierla in un pentoino. Mettere il contenitore sul fuoco a fiamma moderata e mescolare con un cucchiaio di legno.

Quando la polpa inizierà a sobbollire aggiungere poco alla volta lo zucchero, che deve essere proporzionato al peso delle pesche.

Mescolare a fiamma bassa per evitare di far attaccare il composto.

Dopo 10 minuti togliere dal fuoco la persicata e stenderla in una teglia molto bassa in maniera che lo spessore non superi i 2 o 3 centimetri.

Lasciare raffreddare il composto in luogo caldo per una settimana. A quel punto è possibile tagliarla a fettine o quadratini e ripassarli nello zucchero.


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia